venerdì 30 ottobre 2009

Il melone: frutto dolce e succoso


Il melone:
Originario dei paesi dell'Africa o dell'Asia, il melone è uno dei frutti più consumati, del periodo estivo, nell'area mediterranea. Esistono in commercio diverse varietà che, per ragioni di semplicità, si è soliti dividere in meloni d'estate e meloni d'inverno. Quelli estivi hanno la buccia venata e la polpa interna di colore arancione mentre quelli invernali sono caratterizzati dalla buccia esterna liscia e la polpa interna biancastra. Il melone è un frutto che và raccolto maturo in quanto così risulterà dolce e primvo di acqua. La buccia troppo dura è indice che il melone non è maturo mentre la calotta morbida indica che il frutto è eccessivamente maturo. Una macchia nera nei meloni estivi indica che il frutto è maschio e che quindi è più saporito. Viene molto utilizzato nelle diete in quanto 100 gr. di prodotto apporta mediamente 33 kcl.

Buon appetito!!!


Lo staff di Sapori Regionali.

mercoledì 28 ottobre 2009

Il basilico: erba profumata indispensabile


Un tempo veniva chiamata con il termine greco " basilikon" che significa regale: il basilico, erba profumata inconfondibile. Oggi giorno, invece, è tra le erbe più conosciute ed apprezzate in tutta l'area geografica del mediterraneo. Tra le diverse varietà un cenno merita la " napoletana" con foglie grandi ma con profumo meno intenso e la "genovese" con foglie piccole ma molto profumate. Bisogna avere due accorgimenti importanti per non disperdere l'aroma del basilico nell'ambiente: Non lavarlo mai sotto l'acqua corrente e mai taglizzarlo finemente. Si consiglia di pulirlo con un panno inumidito e di tagliarlo a pezzetti grossolani con il coltello. Si può usare sia crudo che cotto e lega molto bene con tutte le verdure tra cui le melanzane, i pomodori, i peperoni e le zucchine. Per mantenere la pianta rigogliosa, cimare sistematicamente le cime superiori. Per le ricette, rimandiamo alla sezione dedicata del portale enogastronomico http://www.saporiregionali.it/

Lo staff di Sapori Regionali.

lunedì 26 ottobre 2009

I fiori di zucchina e di zucca

I fiori di zucca e di zucchina:
Spesso si parla indistintamente di fiori di zucchina di zucca. In realtà c'è differenza. I fiori di zucchina, sono più piccoli di dimensione e, se sono attaccati alla zucchina sono femmine mentre se escono dalla pianta ed hanno lo stelo sono maschi. I fiori di zucca, invece, sono più grandi rispetto a quelli delle zucchine ed hanno sempre il gambo. L'elemento che permette di distinguerli è rappresentato dal "pistillo" che è affusolato e stretto nei fiori maschi mentre è arrotondato negli altri. Si consiglia, per l'acquisto, di scegliere i fiori non afflosciati, tranne nel caso in cui debbano essere consumati subito. Cento grammi di prodotto in termini calorici apporta 12 Kilocalorie, contenendo, peraltro, le vitamine A e C. I fiori di zucca e di zucchina sono facilmente digeribili, sono diuretici e rinfrescanti. Per pulirli non vanno mai sotto l'acqua corrente, per non sciuparli, tranne il caso in cui vanno impastati per la realizzazione delle gustose frittelle ovvero quando sono molto sporchi di terra o di piccoli insetti che si annidano all'interno. E' consigliabile, pertanto, mischiarli con la farina per eliminare il piccolo retrogusto amarognolo. Per la ricetta si consiglia di visitare il portale enogastronomico http://www.saporiregionali.it/

Lo staff di Sapori Regionali

domenica 25 ottobre 2009

Confetture e marmellate


Spesso i termini "marmellata" o "confettura" vengono usati l'uno al posto dell'altro. In realtà non è molto corretto infatti, si parla di marmellata quando la frutta è rappresentata dagli agrumi mentre di confettura in tutti gli altri casi. E' consigliabile scegliere la frutta di fresca di stagione che dovrà essere lavata accuratamente e pelata. La frutta va cotta con lo zucchero la cui funzione è quella dolcificante ma anche quella di impedire la formazione di muffe e batteri. Per la preparazione della marmellata o della confettura bisogna mettere la frutta scelta in una terrina e cuocere fino a quando non si sarà ammorbidita. Aggiungere lo zucchero fino ad ottenere la giusta consistenza. La quantità diu zucchero da aggiungere dipende dal tipo di agrume o di frutta utilizzata. Riempire i barattoli precedentemente sterilizzati. Chiudere con i coperchi e lasciateli raffreddare conservandoli in luogo fresco e al riparo dalla luce. Etichettateli inserendo la data di preparazione e il nome della conserva o marmellata. Alcuni tipi di conserve, alla fine, vanno ulteriormente sterilizzate: i barattoli dovranno essere avvolti in degli stracci e messi in una pentola dove, in fondo, verrà collocato un'altro straccio. Verrà portata l'acqua ad ebbollizione per ulteriori 8 minuti circa. Raffreddare i barattoli, e portarli a temperatura ambiente. Buon appetito.

Lo staff di Sapori Regionali.

l'acqua: bevanda prodigiosa


L'acqua è un elemento indispensabile per il corpo umano in quanto contiene preziose sostanze quali il calcio, il ferro, il sodio, lo zolfo, il fluoro, il magnesio e il bicarbonato. Per chi pratica lo sport, l'acqua è necessaria in quanto contiene il calcio indispensabile per le ossa, il magnesio e il potassio, necessari per lo sviluppo dei muscoli ed infine il ferro necessario per compensare lo sforzo. Per chi ha problemi di digestione, l'acqua è necessaria perchè contenente bicarbonato- solfato, e favorisce la digestione riducendo il grado di acidità dell'intestino. Per chi soffre di pressione alta, è necessaria un'acqua oligominerale che ha la funzione di ridurre il sodio favorendone l'espulsione dall'organismo. Per chi ha problemi di sovrappeso, anche in questo caso è consigliabile un'acqua oligominerale che aiuta la diuresi. Per chi soffre di calcoli renali un'acqua oligominerale aiuta l'eliminazione di quelli esistenti e previene la formazione di nuovi. Per mantenere intatte le caratteristiche organolettiche dell'acqua, è necessario stare attenti alle modalità di conservazione. Se si acquista l'acqua in bottiglia, è necessario conservarla al riparo della luce nonchè lontano da fonti di calore. I parametri più importanti che necessariamente devono essere indicati sulle etichette delle bottiglie di acqua minerale sono: i risultati analitici, la durezza, i nitrat, il ph e la conducibilità elettrica. E' consigliabile, infine, bere un litro e mezzo di buona acqua al giorno.

Lo staff di Sapori Regionali

venerdì 23 ottobre 2009

tutto sui pomodori

I pomodori in qualunque modo, sono sempre speciali: dolci e succosi, soprattutto se di stagione!!! Si possono trovare in commercio in tutte le stagioni, ma soltanto nel periodo estivoi, si riescono ad apprezzare e gustare le sue qualità organolettiche particolari di un prodotto maturato al sole. Si possono trovare di diverse dimensioni, forme e colori. Alcune varità sono consigliabili da consumare crude mentre altre cotte. Vi è, infine, una terza categoria che si adatta bene al consumo sia crudo che cotto. In linea di massima si distinguono in "ramati": sono quelli con la buccia liscia e dalla fotrma rotonda; Si vendono a grappoli e possono essere consumati sia cotti che crudi; "Perini" quelli allungati buoni per fare il sugo. Esiste anche la varietà dei " perini insalatari" che sono quelli preferiti per le insalate. I cosiddetti " cuori di bue" sono quelli grandi ottimi per le insalate. I " ciliegini" sono quelli piccoli, tondi e con la buccia liscia. Sono ottimi sia cotti che crudi. Infine vi sono i pomodorini "sardi" rotondi a buccia liscia, ottimi da consumare crudi.
Lo staff di Sapori Regionali

giovedì 22 ottobre 2009

Il pregio del topinambur

IL TOPINAMBUR:

Moltissimi cuochi, in tantissime ricette, vengono utilizzano ingredienti particolari come il " topinambur". Quest'ingrediente viene anche chiamato " pera di terra", "patata del Canada", " girasole tuberoso", "tartufo di canna" oppure " carciofo del Canada". E' stato scoperto contestualmente alla scoperta dell'America ed è giunto rapidamente in Europa. Spontaneamente cresce nelle praterie del Canada e nel Nord America. Si trova anche in Italia e viene molto utilizzato nell'alimentazione di oggi. Con il tempo, a causa della scoperta e dell'utuilizzo della patata, è rimasto in alimento di nicchia. Ultimamente si stà riscoprendo e rivalutando questo ingrediente grazie al suo sapore gradevole e alle sue proprietà energetiche che lo rendono indispensabile nell'alimentazione degli sportivi, degli anziani convalescenti, dei bambini e dei diabetici. Il pregio più importante è che l'organismo umano non utilizza il carboidrato del topinambuer e, pertanto, il contenuto calorico dello stesso, risulta praticamente zero. Nella preparazione in cucina, si consiglia di spazzolare bene sotto l'acqua corrente i tuberi al fine di eliminare possibili particelle di terra. Si possono usare in tutte le ricette in cui sono presenti le patate ( in questo caso le sostituiscono), ovvero crude, sbucciate e condite con olio e pepe.
Lo staff di Sapori Regionali

martedì 20 ottobre 2009

B&B La Coccinella a Leverano (LE)

Lo staff di Sapori Regionali segnala il b&b " La Coccinella" perchè considerato uno dei posti più tipici del Salento in cui trovare ristoro e degustare i prodotti tipici del luogo.
Il B&B La Coccinella mette a disposizione degli ospiti un mini appartamento indipendente, climatizzato, composto da due camere da letto, cucina con caratteristico caminetto e bagno. E' ubicato a Leverano (LE) , paese di 15 mila abitanti che dista 17 km. dal capoluogo Salentino, patria del Barocco Leccese a solo 9 km. dalla bellissima località marina di Porto Cesareo. A soli 30 minuti di macchina si possono raggiungere altre famose località come Gallipoli, Santa Maria di Leuca ed Otranto.
Visitate il Salento e veniteci a trovare a Leverano!!
per info e prenotazioni:
cell. 3346922444
e-mail: solomartina@alice.it

Lo staff di Sapori Regionali

martedì 13 ottobre 2009

Dieta: perdere una taglia in una settimana

Perdi una taglia, ma non il gusto di mangiare:

Il menù che propone lo staff di Sapori Regionali, prevede delle pietanze che comprendono più o meno 1400 - 1600 calorie giornaliere. L'ordine dei pasti, di seguito indicati, può essere variato e leggermente modificato a seconda dei propri gusti:

LUNEDI'

Colazione:. 1 bicchiere di latte parzialmente scremato con 1/2 cucchiaino di cacao;. 1 manciata di cereali;Metà mattino:. 1 spremuta di pompelmo;

Pranzo:. 2 fette di prosciutto crudo magro;. 1/2 piattino di insalata verde condita con un filino di olio extravergine di oliva;1 panino integrale;

Merenda:. 2 crackers;1 succo di pomodoro condito;

Cena:. 1 trota al cartoccio con contorno di insalata verde;. mezzo panino;. 2 fichi;

===============================================

MARTEDI'

Colazione:. 1 yogurtb magro,. 1/2 cucchiaino di frutta secca sbriciolata;

Metà mattino:. 1 fetta di pane abbrustolito;. un pò di verdura cruda;

Pranzo:. crema di lenticchie alle cozze;. 2 fette di pane;. una ciotola di insalata mista;. macedonia di pera e melone;Merenda:. 2 fette biscottate con un pò di marmellata;. 1 tisana calda;

Cena:. spaghetti aglio olio e peperoncino;. una fettina di arrosto con insalata;. un panino; . un piccolo grappolo d'uva;

===============================================

MERCOLEDI'

Colazione:. 1 tazza di tè caldo;. 1 panino;. 1 fetta di prosciutto cotto;

Metà mattino:. 1 spremuta di arancio;

Pranzo:. scamorza alla piastra;. 2 zucchine grigliate;. 1 pacchetto di crackers;. 2 prugne;Merenda:. 2 noci;. 1 galletta di mais;

Cena:. 1 coscia di pollo arrosto;. insalata verde. 1/2 panino;. 2 fette di ananas;

===============================================

GIOVEDI'

Colazione:. 1 cappuccino con poco zucchero;. 2 fette biscottate;

Metà mattino:. 1 biscotto secco;. un quadretto di cioccolata;

Pranzo:. 1 trancio di pesce spada con contorno di patate lesse;. 2 fette di anguria;

Merenda:. 2 crackers;1 bicchiere di succo di arancia;

Cena:. passato di verdure con crostini di pane secco;. insalata verde mista;. 1 finocchio;

===============================================

VENERDI'

Colazione:. 1 bicchiere di latte;. 2 biscotti secchi;

Metà mattino:. 1 bicchiere di succo di ananas;

Pranzo:. 1 spicchio di pizza;. 1 tazza di frutti di bosco misti;

Merenda:. 1 bicchiere di pop-corn;. 1 bicchiere di succo di ACE;

Cena:. 2 uova in camicia con contorno di spinaci;. mezzo panino integrale;. 1/2 pompelmo;

===============================================

SABATO

Colazione:. 1 bicchiere di macedonia di frutta con pochissimo zucchero;. 2 biscotti secchi;

Metà mattino:. 1 yogurt magro;

Pranzo:. 1 mozzarella media;. 1 pacchetto di crackers;. 1 bicchiere di succo di frutta;

Merenda:. 2 patate al forno;Cena:. 1 piattino di risotto in bianco;. 1 petto di tacchino grigliato;. mezzo panino;. 1/2 banana;

===============================================

DOMENICA

Colazione:. 1 bicchiere di caffè / latte;. 1 piccola fetta di torta;

Metà mattino:. 1 spremuta di limone;

Pranzo:. 1 piattino di linguine ai frutti di mare;. 1/2 piattino di patate fritte;. 1/2 panino integrale;. sorbetto al limone;

Merenda:. 1 tazza di tè;. 1 biscotto secco;

Cena:. 1 petto di pollo in agro dolce;. 1 piattino di insalata mista;. mezzo panino;

===============================================

Buon appetito!!

Lo staff di Sapori Regionali .

Spaghetti mediterranei

SPAGHETTI MEDITERRANEI:

Un primo piatto dal costo molto economico con ingrdienti per 4 persone.

Ingredienti: 400 gr. di spaghetti, 3 spicchi d'aglio, 7 filetti di acciughe, 1 cucchiaio di capperi, mezzo bicchiere di olio extravergine di oliva, sale.

Preparazione: Cuocete la pasta in una pentola con acqua bollente leggermente salata. A parte, preparate il condimento con i capperi, che vanno opportunamente dissalati ed uniti all'aglio finemente tritato, alle acciughe spezzettate ( il tutto saltato in una padellina cosparsa di olio). Scolate gli spaghetti al dente, versateli in un tegame ed unite il condimento preparato al quale andrà aggiunto un mestolo di acqua di cottura della pasta. Fate saltare per qualche istante per insaporire il tutto e servite subito. Buon appetito.

Lo staff di Sapori Regionali.

lunedì 12 ottobre 2009

Il profumo del pane

IL PANE:
Avete intenzione di fare il pane in casa? Servono un pò di farina, acqua, lievito e sale, e l'impasto è pronto. La farina più usata è quella di grano tenero perchè contiene un alto livello di glutine, vale a dire la parte proteica necessaria per una corretta lievitazione. E' questo il motivo per il quale tale farina viene chiamata " forte", a differenza delle altre che per difetto vengono definite " deboli", che vengono preferite nele settore della pasticceria. Molti, sono soliti mischiare la farina anzidetta con percentuali variabili di farina di segale o di farro. Il lievito deve essere rigorosamente " naturale" in quanto si presta meglio, con le sue caratteristiche peculiari, per la riuscita di un buon prodotto. La farine e il lievito vanno inpastati con l'acqua che, però, non deve contenere troppo calcare. Consigliabile è quella oligominerale che è possibile acquistare nei supermercati mentre se si vuole usare quella del rubinetto, va fatta bollire preventivamente. E' importante aggiungere il sale durante l'impasto e "mai" assieme al lievito in quanto ne inibisce la sua specifica funzione. Le ricette per fare il pane sono tante come le forme che è possibile trovare in commercio. Per un impasto classico, basta mezzo kg. di farina bianca, con al centro 30 gr. di lievito sciolto in un pò d'acqua tiepida. Durante l'impasto, va aggiunto il sale ( 10 gr.). Impastare la pagnotta per 15 minuti circa oppure se si utilizza un robot, impastare per 5 minuti circa. Incidete il panetto con un taglio a croce nella parte superiore, coprite con un canovaccio infarinato e lasciare riposare in un luogo tiepido per un ora circa. Impastatelo nuovamente, collocatelo nelle forme e lasciatelo riposare per ulteriori 30 minuti circa. Infornate per 15 minuti a 220° e poi altri 15 minuti a 180°. Se non si dispone di forno a vapore, ricordarsi di collocare nella base del forno tradizionale una ciotola d'acqua. sarà grande la soddisfazione di aver preparato un pane squisito con le proprie mani.
Lo staff di Sapori Regionali.

sabato 10 ottobre 2009

Le vitamine: Necessarie per l'organismo

Le vitamine sono un insieme di sostanze organiche presenti negli alimenti. Sono fondamentali per il corretto funzionamento dell’organismo umano e devono essere introdotte con il cibo, in quanto il corpo non è in grado di sintetizzarle.
Per coprire il fabbisogno di vitamine, l’alimentazione deve essere varia. Le vitamine a seconda della loro solubilità nell' acqua o nei grassi, si dividono in:
idrosolubili (solubili nell'acqua): vitamina B1, B2, B6, PP, acido pantotenico, biotina, acido folico, e acido ascorbico o vitamina C ( la più conosciuta). Queste sostanze devono essere introdotte giornalmente, in quanto il corpo umano non è in grado di accumularle e, se sono in eccesso rispetto alle quantità necessarie, vengono eliminate attraverso le urine;
liposolubili (solubili nei grassi): vitamina A, D, E e K. Queste sostanze sono accumulate nel fegato e nel tessuto adiposo.
Ogni vitamina ha una funzione ben precisa ed insostituibile all’interno dell’organismo umano. La funzione più importante è quella di svolgere un’azione protettiva contro diverse patologie e di rinforzare il sistema immunitario, proteggendo le cellule dall’aggressione di sostanze estranee, potenzialmente pericolose. Sapori Regionali consiglia di assumerle quotidianamente con un'alimentazione sana e genuina.

Lo staff di Sapori Regionali.

giovedì 8 ottobre 2009

1^ Sagra dello stinco


Dal 12 al 15 novembre 2009 in MEDE (PV).


Prima sagra dello stinco a MEDE (PV.) Giovedì 12-venerdì 13-sabato 14- domenica 15 novembre 2009 Piazza della Costituzione (stazione) tensostruttura con parquet in legno massiccio,chiusura laterale con pannelli isolanti e riscaldata. L'associazione medese "la scottona",dopo aver organizzato ad aprile la seconda manifestazione"12 metri di bontà" e a giugno la terza sagra della scottona chiude l'annata enogastronomica 2009 con la prima "sagra dello stinco" Anche in questa occasione , l'associazione terrà fede alla caratteristica che la contraddistingue : garantire piatti di alta qualità nel rispetto di un buon rapporto qualità-prezzo. Giovedì ,venerdì e sabato apertura stand gastronomico ore 19,00 Domenica apertura solo mezzogiorno. In tutti i giorni si potrà gustare lo stinco con cotenna e patate fritte, nervetti con fagioli e verdure e a questi piatti si aggiungeranno,distribuiti nelle varie serate,risotto con fagiolini dell'occhio,panissa,mezze maniche al sugo ,filetto di scottona con funghi chiodini,bocconcini di filetto al pepe verde,coda alla vaccinara. I dolci :strudel,torta di mele, torta sacher. Per altri dettagli visitare il sito www.lascottona.com a partire dal 20 ottobre.


Lo staff di Sapori Regionali.

mercoledì 7 ottobre 2009

Fragola: tutto su questa piccola delizia rossa

LE PROPRIETA' DELLA FRAGOLA:

E’ definita da moltissimi un rimedio naturale addir poco "miracoloso" per chi soffre di reumatismi e malattie da raffreddamento. E’ unfrutto lassativo e diuretico ricco di calcio e ferro e, quindi, molto adatto nei periodi della crescita dei bimbi, in gravidanza e nelle persone in menopausa. Contiene molta vitamina C5, non è molto calorica ( 28 calorie per 100gr. di prodotto). il suo colore rosso vivo si deve ai carotenoidi che si trovano anche nelle carote, nei cachi. La fragola contiene pure il potassio che aiuta a drenare i liquidi in eccesso. Contiene magnesio che fa bene al cuore e regola la pressione arteriosa e infine contiene enzimi che attivano il metabolismo dei grassi, facilitando la funzionalità dei reni. Per gustarle è necessario compiere una serie di operazioni di seguito indicate:

1) Lavare molto bene le fragole sotto l'acqua corrente, evitando di lasciarle a mollo;

2) Per insaporirle bisogna aggiungere all’acqua del lavaggio, del vino bianco o rosso, avendo cura di scolarle e asciugarle;

3) Essendo molto deteriorabili consumatele appena acquistate e, comunque, tenute in frigorifero;

4) Non manipolatele troppo, in quanto le fragole sono molto delicate;

5) Dopo averle lavate, togliete il picciolo, tagliatele e conditele con un pò di succo di limone oppure con pochissimo aceto balsamico;

6) State attenti se siete allergici evitatene il consumo;

7) Consumate al mattino a digiuno, le fragole agiscono con più efficacia sul nostro organismo;

8) Si dice che un pizzico di pepe spruzzato sulla fragola ne esalti il sapore;


Lo staff di Sapori Regionali.

sabato 3 ottobre 2009

Lenticchie, broccoli, arance e carne bianca


Gli alimenti scelti per voi......


I nutrizionisti consigliano di fare una dieta mediterranea e, quindi, di mangiare tanti ortaggi e verdure in modo che l'organismo assimili la giusta quantità di sostanze fondamentali necessarie per soddisfare tutte le sue necessità. Segnaliamo per voi lenticchie, broccoli, arance e carne bianca:


Lenticchie: Sono i legumi con maggior contenuto di carboidrati. Contengono proteine, potassio, fosforo, magnesio, ferro e sodio. Sono ricche di fibre indispensabili e necessarie nella regolazione delle funzioni intestinali e contribuiscono nel controllo dei livelli di glucosio e colesterolo del sangue.


Broccoli: Sono ricchissimi di calcio, ferro, fosforo, potassio e vitamina C, B1 e B2. Contengono molte fibre.


Arance: sono ricche di vitamina A e C. Contengono fosforo e calcio. Hanno una spiccata funzione dissetante e digestiva.


Carne bianca: E' ricca di proteine e di amminoacidi ramificati.


Lo Staff di Sapori Regionali.

venerdì 2 ottobre 2009

Aloe vera:per molti miracolosa ... anche in cucina!!


Viene anche chiamata la "Pianta del Miracolo" o il cosiddetto " guaritore naturale". viene coltivata nelle zone calde e secche. Anche se molte persone la scambiano per una pianta appartenente alla famiglia dei cactus, in realtà, l'Aloe Vera appartiene alla famiglia del giglio. Effettivamente, però, ha la capacità di chiudere i suoi pori per impedirne la perdita di umidità e, petanto, è in grado di sopravvivere in zone ostili dove altre piante non sarebbero in grado di sopravvivere. L'Aloe contiene più di 160 sostanze differenti. Contiene 13 vitamine e altrettanti Sali minerali, tra cui alcuni minerali importantissimi. Tra questi possiamo citare : Magnesio, Cromo, Boro Germanio, Selenio e Zinco. Probabilmente uno dei componenti che contribuisce in maniera significativa a caratterizzare le proprietà curative della pianta è di muco polisaccaride acemannano. L'acemannano è una molecola che si trova all'interno del tessuto connettivo. L'organismo è in grado di produrre l'acemannano fino alla pubertà dopo di chè si deve introdurre con l'alimentazione. L'acemannano è una sostanza molto rara che si trova solamente nell'aloe vera, nel ginseng, nello shitake, nella pelle di squalo, e nell'astragalo. L'acemannano rinforza il sistema immunitario attivando i fagociti, gli anticorpi e le cellule killer. Inoltre questa sostanza facilita la disgregazione delle proteine estranee, che spesso sono all'origine di allergie nell'intestino. L'assunzione regolare di succo di aloe prima dei pasti garantisce l'apporto quotidiano di ferro. Lo stesso vale per il calcio, che regola il metabolismo cellulare e garantisce l'efficacia della vitamina C grazie ai suoi ioni. Ci sono più di 180 varietà di aloe, ma solo l'Aloe Vera è la pianta che ha la maggior utilità per l'uomo grazie alle numerose applicazioni in campo medicinale. I suoi vantaggi terapeutici e le sue particolari proprietà salutari sono conosciute da moltissimi anni. Alcuni ricercatori hanno scoperto che le antiche culture Cinese e Indiane usavano l'Aloe Vera per curare numerose malattie. Lo stesso dicasi per l'Egitto e per le Filippine. Ai giorni d'oggi, nonostante che le medicine chimiche tradizionali siano molto efficaci per guarire, il loro uso prolungato porta a complesse interazioni con altre sostanze e farmaci e possono causare degli effetti collaterali terribili per il paziente. Di conseguenza, molti scienziati stanno ritornando a prendere in considerazione le più tradizionali e naturali terapie che per molto tempo sono state ignorate, tra cui l'Aloe Vera. Se si taglia a fette un frutto qualsiasi e si lascia all'aria, velocemente cambia colore. E cosi l'Aloe Vera. Il principio attivo è il gel contenuto all'interno della sua foglia che risulta ben protetto dalla scorza esterna molto dura che ne impedisce la perdita di umidità e la protegge dall'atmosfera circostante. Una volta che la foglia è stata tagliata, il processo di ossidazione inizia e, se lasciato all'aria, priverebbe il prezioso gel di molte delle sue proprietà benefiche intrinseche. Queste le sue proprietà:


Rigenerante: stimola la crescita dell’epitelio sulle ferite;
Energizzante: aumenta il livello di energia del corpo;
Proteolitica e cicatrizzante: dissolve e assorbe enzimaticamente le cellule morte o danneggiate, stimolando la rigenerazione;
Antiinfiammatoria;
Virostatica: ostacola la crescita dei virus;
Batteriostatica: ostacola la crescita dei batteri;
Antipiretico: dà sollievo quando si ha la febbre;
Emostatica: riduce la fuoriuscita di sangue, nelle ferite;
Antiprurito: dà sollievo nel prurito;
Disintossicante: aiuta la disintossicazione del corpo dalle impurità delle tossine;
proprietà antitumorali;
Umettante: è idratante sulla pelle;
Analgesica: dà sollievo al dolore;
Fungicida: ostacola la crescita dei funghi.

Proprio perchè è necessario assumerla per molti, con cadenza giornalmente, l'aloe vera viene aggiunta a piccoli pasti ed alimenti. Si trova soprattutto in alcune bevande specifiche e anche nelle caramelle. E' possibile preparare dolce e torte gustosissime con l'aggiunta di aloe vera.

Lo staff di Sapori Regionali